Scheda opera

Ricerca avanzata

Seleziona una voce per filtrare la tua ricerca.

Madonna con bambino

Carlo Crivelli

(Venezia, 1430-1435 ca. – Ascoli Piceno, 1494-1495)

data
1471 - 1472
sede
Palazzo Buonaccorsi
collocazione
Primo piano / sala 3
tecnica
Tempera su tavola trasportata su tela, 59 x 40 cm
n. inventario
35
tipologia
Pittura

Descrizione

Il dipinto raffigura la “Madonna con Bambino” in un tenero abbraccio. La Vergine, con lo sguardo rivolto verso gli astanti, regge tra le braccia il bambino che, avvicinandosi alla madre, le cinge il collo infilando la mano al di sotto del manto. Il bambino indossa una leggera veste di colore giallo, cinta in vita da una banda di panno bianco. La Vergine, con i cappelli raccolti da un elegante velo, presenta una veste rossa decorata a sottili motivi floreali, impreziosita di un manto di colore blu con ricami dorati.

Sul retro, in un frammento di tela ritagliata, si legge l’iscrizione “KAROLUS CRIVELLUS VENETUS PINXIT 1470 FERMIS”.

Non è stata ancora chiarita la provenienza dell’opera. Gli studi critici hanno ipotizzato una sua appartenenza da una composizione più ampia di Carlo Crivelli, quale frammento di una tavola un tempo conservata nella chiesa di Santa Maria della Pietà di Macerata. In seguito a nuove indagini critiche è stata avanzata l’ipotesi che la “Madonna con Bambino” di Macerata si tratti con più probabilità di un’opera autonoma. La prima menzione del dipinto si ha nel 1832, quando l’erudito Amico Ricci lo ricorda nel Palazzo comunale di Macerata, poi trasferito nella camera dell’udienza del palazzo e in seguito collocato nella Biblioteca Comunale. In quest’ultima sede lo videro nel 1896 gli studiosi Giovanni Battista Cavalcaselle e Giovanni Morelli, annotando già l’avvenuto trasporto su tela per motivi conservativi.

Un secondo restauro venne effettuato negli anni 1914-1915, nel corso del quale è stato rimosso il fondo azzurro facendo riemergere il drappo rosso. Riguardo l’iscrizione sul retro, oggetto di diverse indagini, gli studiosi concordano nel ritenerla non autentica, ma presumibilmente una trascrizione di un frammento più antico.