Scheda opera

Ricerca avanzata

Seleziona una voce per filtrare la tua ricerca.

Asì van las cosas

data
1968
sede
Palazzo Buonaccorsi
collocazione
Secondo piano/ sala 14
tecnica
Tempera su carta intelata 47x67cm
n. inventario
2969
tipologia
Pittura

Descrizione

L’opera “Asì van las cosas” rappresenta una figura di grande formato inginocchiata, dalle sembianze quasi scheletriche, che incombe su un cavallo bianco. L’animale si mostra impaurito, nell’atto di impennarsi. Dietro di lui un uomo dal volto indefinito alza le braccia. La scena, caratterizzata da tonalità di blu e di bianco, è ambientata in un paesaggio minimale dove sulla sinistra si scorge un rilievo montuoso.

Nel 1964 Aligi Sassu, pittore e scultore nato a Milano, si trasferisce in Spagna a Maiorca, dove ha inizio un nuovo periodo artistico. Nascono le Tauromachie, i paesaggi ispirati dall’isola e le opere a soggetto mitologico, tematiche che vengono spesso rivisitate utilizzando tecniche diverse tra cui l’acrilico.

L’opera di Macerata, realizzata nel 1968, si inserisce in questa fase pittorica. Risente degli echi della pittura settecentesca e in particolare del grande pittore spagnolo Francisco Goya (1746-1828), per l’ambientazione onirica, il senso di angoscia e gli aspetti fantasiosi che animano la composizione, tra cui il cavallo, soggetto caro all’immaginario dell’artista, spesso presente nelle sue opere.