Scheda opera

Ricerca avanzata

Seleziona una voce per filtrare la tua ricerca.

L’influenza astratta

data
1965
sede
Palazzo Buonaccorsi
collocazione
Secondo piano/ sala 10
tecnica
Olio/ matita/ numeri trasferibili/ acrilico su tela 136x101cm
n. inventario
1597
tipologia
Pittura

Descrizione

L’opera rappresenta una composizione astratta. Su una base bianca è tracciata una successione di cerchi concentrici a formare una sorta di bersaglio su cui sono segnati dei numeri.
L’andamento circolare della rappresentazione è interrotto da rettangoli resi con tonalità di bianco, giallo e verde, e dalla presenza di macchie nei tre colori primari che delineano il profilo di un triangolo. Il dipinto è stato donato nel 1990 dall’artista.

Dal decennio Sessanta, cruciale per la sua formazione, Mario Schifano (Homs-Libia, 1934 – Roma, 1998), pittore e regista, tra le figure più importanti dell’arte del secondo Novecento, subisce l’influenza del clima new-dadaista e della Pop-Art, correnti artistiche internazionali che utilizzano motivi ed elementi provenienti dal mondo della pubblicità. Nel 1962 l’artista compie il primo viaggio a New York, dove espone insieme ai massimi rappresentanti della Pop-Art, Robert Rauschenberg, Claes Oldenburg e Jasper Johns.

Dopo la partecipazione nel 1964 alla Biennale di Venezia, dal 1965 inizia i cicli di opere in cui le grandi avanguardie storiche vengono rivisitate, tra cui ricordiamo “Futurismo rivisitato” e “Io sono Kasimir Malievic”. Il dipinto di Macerata, “L’Influenza astratta”, realizzato nel 1965 appartiene a questa fase pittorica. L’artista utilizza qui una tecnica mista, combinando elementi geometrici e numerici, e come indicato dal titolo vi è un richiamo all’Astrattismo.