Scheda opera

Ricerca avanzata

Seleziona una voce per filtrare la tua ricerca.

Scultura

data
1982
sede
Palazzo Buonaccorsi
collocazione
Secondo piano/ loggia
tecnica
Legno dipinto 220cm
n. inventario
3011
tipologia
Pittura

Descrizione

L’opera è una scultura in legno dal formato verticale, alta più di due metri, con interventi di colore rosso e nero e due tagli trasversali. La lavorazione del legno non è uniforme, ma si differenzia in alcuni punti restituendo una serie di macchie che contribuiscono ad animare la superficie della scultura.
Si inserisce negli anni della svolta artistica di Loreno Sguanci, quando, a partire dagli anni Settanta, inizia a lavorare assiduamente su progetti di rigide forme geometriche nello spazio, prevalentemente verticali. Sculture monumentali, al pari di obelischi, veri e propri totem, eseguite in legno con aggiunte cromatiche, come la serie di “Stele” realizzata negli anni Ottanta e Novanta.


La scultura è stata donata dall’artista al Comune di Macerata in occasione della personale “Loreno Sguanci o dell’immaginazione materica” che si è tenuta nella chiesa di San Paolo nel 1982.

Loreno Sguanci è nato a Firenze nel 1931 e dopo gli studi artistici si trasferisce nel 1952 a Pesaro. Conduce le sue ricerche principalmente nel campo della scultura in legno, materiale prediletto, lavorato in composizioni di medio e grande formato. Dalle forme sinuose e vibranti nello spazio delle sculture degli anni Sessanta, passa all’utilizzo del segno e all’astrazione geometrica applicate alla lavorazione del legno. Ne sono espressione le varie sculture intitolate “Segni” degli anni Ottanta, “Grande tavola” del 1986 e le opere degli anni successivi, tra cui “Presenza” 1995 e “Memorie” 1996.