Scheda opera

Ricerca avanzata

Seleziona una voce per filtrare la tua ricerca.

Senza Titolo

data
1971
sede
Palazzo Buonaccorsi
collocazione
Secondo piano/ loggia
tecnica
Bronzo 59x29cm
n. inventario
2650
tipologia
Scultura

Descrizione

La scultura è realizzata in bronzo, ha uno sviluppo verticale e poggia su un basamento di pietra. Si presenta come una forma geometrica piatta angolare con dieci fori che bucano la superficie in diversi punti. È firmata e datata 1971 in basso a destra.

L’opera è stata esposta nella mostra ‘Collettiva scultura nella poesia poesia della scultura’, tenutasi nella Pinacoteca e Musei Civici di Macerata nel 1979 e venne donata dall’artista alla Pinacoteca nel 1983.

Antonino Virduzzo, nato a New York nel 1926, torna in Italia nel 1932 e si afferma come pittore, incisore, restauratore e scultore. La sua produzione scultorea realizzata a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta si caratterizza per una ricerca di compenetrazione della materia con lo spazio, con una attenzione ai riflessi della luce sulle superfici. Spesso nelle sue opere troviamo la presenza di pieni e di vuoti, contrasti tra superfici lucide ed opache, tra ombre e luci. Le sue strutture poggiano su basi e si ergono isolate, assumendo una valenza simbolica nella scelta delle forme primarie del cerchio, del quadrato e del rettangolo.

Nella produzione pittorica e grafica sviluppa un linguaggio segnico definito ‘astrattosfero’, ovvero basato sull’astrazione geometrica e sulle sovrapposizioni cromatiche, dove l’elemento maggiormente utilizzato, la sfera, costruisce trame e moduli secondo molteplici variazioni.